Una cartolina delle Poste Italiane dedicata a Bitti

L’iniziativa di Poste Italiane a Bitti.

Poste Italiane ha scelto il comune di Bitti per introdurre ai cittadini i temi della filatelia e della scrittura legati alle tradizioni e al patrimonio culturale della comunità. A tal proposito si è svolta sabato, in occasione di “Oje: festival del futuro sostenibile”, la cerimonia di presentazione della cartolina e dell’annullo filatelico dedicati al piccolo comune sardo.

L’annullo filatelico.

Per l’occasione, Poste Italiane ha attivato un servizio filatelico temporaneo, allestito in piazza Giorgio Asproni a Bitti, dalle 10 alle 16. All’evento, con accesso regolamentato, hanno partecipato, tra gli altri, il sindaco di Bitti, Giuseppe Ciccolini, e alcuni rappresentanti locali di Poste Italiane. La cartolina raffigura una veduta notturna di Bitti, mentre l’annullo filatelico riproduce il logo della manifestazione.

Rafforzare i comportamenti virtuosi.

“Accogliamo con grande favore – commenta il sindaco Ciccolini – la presenza di Poste Italiane con un annullo filatelico specificatamente dedicato al nostro Festival. Una presenza che contribuisce a rafforzare il nostro intento teso a promuovere comportamenti virtuosi con riguardo alla tutela dell’ambiente”.

L’iniziativa è parte del programma dei nuovi impegni a favore dei piccoli comuni, annunciato dall’amministratore delegato Matteo Del Fante, ed è coerente con la presenza capillare di Poste Italiane sul territorio e con l’attenzione che da sempre l’azienda riserva alle comunità locali e alle aree meno densamente popolate.

L’evento segna una nuova tappa nel dialogo e nel confronto con Poste Italiane e avvicina ancora di più l’Azienda al territorio, seguendo un percorso fatto di impegni reali, investimenti e opportunità concrete, al servizio della crescita economica e sociale del Paese. Il progetto è coerente con i principi ESG sull’ambiente, il sociale e il governo di impresa che contribuiscono allo sviluppo sostenibile del Paese.

(Visited 71 times, 1 visits today)

Note sull'autore