La rabbia di Tortolì per la morte di Mirko, la folla cerca di prendere il colpevole

La folla davanti ai carabinieri di Tortolì.

A Tortolì c’è rabbia e voglia di giustizia dopo il fatto che ieri notte ha sconvolto la comunità, con l’aggressione ad opera di Masih Shahid, il 29enne pakistano che ha ucciso il 20enne Mirko Farci, intervenuto in difesa della madre Paola Piras, ex compagna di Shahid che subiva l’aggressione. La rabbia dei concittadini è testimoniata da un video, nel quale una folla di persone tenta di raggiungere l’autore del delitto con l’intento, presumibilmente, di fargliela pagare.

Omicidio a Tortolì, accoltella una donna e uccide il figlio intervenuto per difenderla

Il video, che in poco tempo ha fatto il giro dei social network, mostra una grande folla davanti alla caserma dei carabinieri di Tortolì, col chiaro intento di raggiungere il colpevole del delitto. Le forze dell’ordine hanno tentato quanto possibile di fermare la furia della calca. Rabbia, voglia di vendicare l’insano gesto compiuto da Shahid e anche lacrime e commozione tra la folla.

Omicidio a Tortolì, catturato il responsabile della morte del giovane Mirko

A modo loro queste persone hanno tentato di rendere giustizia ad una famiglia distrutta, con la tragica morte del giovane e le condizioni della madre, ancora grave.

(Visited 231 times, 1 visits today)

Note sull'autore