Emergenza cavallette nei campi di Nuoro, tavolo tra sindaci e Coldiretti

L’incontro con Coldiretti Nuoro Ogliastra.

Programmare per definire un piano di prevenzione che eradichi i milioni di cavallette che da tre anni stanno divorando i campi della Valle del Tirso che da Sedilo porta fino al Goceano. È quanto si è discusso lunedì 7 giugno a Cagliari, durante l’incontro, convocato dopo le insistenti richieste di Coldiretti Nuoro Ogliastra, con il supporto dei sindaci del territorio interessato dall’invasione delle locuste, con gli assessori regionali all’Agricoltura e all’Ambiente.

All’incontro, promosso grazie all’intercessione dei consiglieri regionali di maggioranza del nuorese, Elena Fancello, Franco Mula, Giuseppe Talanas e Pierluigi Saiu, hanno preso parte oltre agli assessori regionali all’Agricoltura ed Ambiente, Gabriella Murgia e Gianni Lampis, il direttore generale di Laore Marcello Onorato, il commissario straordinario Mimmo Solina, il presidente e direttore di Coldiretti Nuoro Ogliastra Leonardo Salis e Alessandro Serra, il commissario della provincia di Nuoro Costantino Tidu e i primi cittadini di Bolotana, Annalisa Motzo, Sedilo Salvatore Pes, Orani Antonio Fadda, Ottana Franco Saba e Noragugume Rita Zaru.

“Finalmente dopo tre anni si è discusso di mettere le basi per affrontare seriamente il problema delle cavallette – sottolinea il presidente di Coldiretti Nuoro Ogliastra Leonardo Salis -, un fenomeno non più rinviabile, che dal 2019 ad oggi ha causato diversi milioni di euro di danni alle aziende agricole. Nel tavolo regionale sono state portate e condivise le nostre richieste – continua Salis –, che sono da una parte quella di mettere in atto un programma di prevenzione, per arare le terre incolte, e dall’altra di integrare le risorse per ristorare i danni subiti dalle aziende agricole e liquidarle immediatamente”.

Secondo Coldiretti Nuoro Ogliastra, infatti: “Una nuova invasione di cavallette si previene, come ripetiamo da ormai tre anni – spiega il direttore di Coldiretti Nuoro Ogliastra, Alessandro Serra -, arando i campi. Oltre ai cambiamenti climatici, le cavallette si sviluppano nei terreni incolti, conseguenza della crisi economica che pervade il mondo agricolo. Per questo chiediamo un contributo per gli agricoltori e per i comuni, per sostenere le spese necessarie per arare i campi privati e pubblici. Dall’altra però, come ugualmente abbiamo più volte denunciato, i 10 euro a ettaro stanziati lo scorso anno per ristorare i danni subiti dalle aziende agricole, e ancora non ricevuti, sono insufficienti. È fondamentale integrarli e soprattutto liquidarli subito, perché è da tre anni che oltre alle perdite, gli allevatori sostengono delle spese vive per il sostentamento dei propri animali rimasti senza pascolo per l’estate e foraggio per autunno e inverno”.

Nell’incontro di ieri si è deciso di investire il tavolo fitosanitario dell’Assessorato all’Ambiente, di cui fanno parte anche Laore e Agris, per fornire alla Giunta regionale gli indirizzi scientifici su cui basare un piano di eradicazione. Allo stesso tempo saranno convocati in seduta congiunta le commissioni Ambiente e Attività produttive per sentire tutti i portatori di interesse e verificare la necessità di interventi normativi per risolvere la questione della definizione delle competenze, che fino a questo momento ha ostacolato la risoluzione del problema.

(Visited 53 times, 1 visits today)

Note sull'autore